Civile: Divieto in condominio di B&B

postato in: News | 0

Molti condomini impediscono l’esercizio al loro interno di attività di affittacamere, B&B e similari, in ragione di apposite clausole previste nei regolamenti condominiali. In merito alla natura di tali clausole, desta particolare interesse la sentenza n. 7104/2019 del Tribunale Civile di Roma, con la quale si è previsto che le attività suindicate configurano delle servitù reciproche atipiche, poiché da esse derivano dei limiti vicendevoli all’utilizzo  dei beni di proprietà esclusiva. Orbene, il Tribunale di Roma stabilisce che le clausole prescritte nei regolamenti condominiali creano vincoli anche per gli aventi causa delle parti originarie, successivi acquirenti, purchè, però, vengano espressamente accettate, ossia adeguatamente trascritte allo scopo di rendere opponibile il diritto ai terzi.