Civile: Inalienabilità decennale immobili acquistati dal Comune di Roma

postato in: News | 0

La Corte di Cassazione con la sentenza n. 15069 dello scorso 11 giugno ha stabilito che colui il quale, concluso il preliminare, recede dall’acquisto, ritendendo viziata la vendita immobiliare, poiché ancora non scaduto il vincolo ” comunale”  di inalienabilità decennale dell’immobile stesso,  perde la caparra. La Suprema Corte, invero, in merito alle operazioni di dismissioni del patrimonio immobiliare capitolino, ha precisato che non risulta nulla la vendita effettuata a terzi di un immobile acquistato dal Comune di Roma a prezzo di favore e su cui grava il vincolo di inalienabilità. Chi ha acquistato dal Comune e vende prima del decorso dei dieci anni, dovrà restituire all’ente locale la differenza del prezzo che era stata scontata nella sua compravendita. Del pari il terzo acquirente non subirà alcun effetto pregiudizievole nei suoi riguardi “ il vincolo a non vendere per un decennio è pattizio, cioè ha valore esclusivamente per chi ha usufruito del prezzo scontato.”