Lavoro: Permessi Legge 104/1992 e licenziamento per abuso dell’utilizzo

postato in: News | 0

La Suprema Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 2743 del 2019, ha stabilito la legittimità del licenziamento intimato al lavoratore per aver utilizzato i permessi relativi alla Legge 104/1992, non per assistere la suocera disabile, bensì per recarsi in una località marittima. Ciò era stato scoperto dal datore di lavoro a causa della pubblicazione  sui social delle foto della vacanza, inoltre la società investigativa incaricata dal medesimo datore di lavoro, aveva verificato la presenza della suocera in altro luogo rispetto al genero. Si rilevava, pertanto,  sussistente l’abuso e il grave comportamento del lavoratore  tale da risultare proporzionata l’irrogazione della sanzione espulsiva. Secondo gli Ermellini, invero, ai fini della configurabilità dell’abuso in questione, la sola presenza del ricorrente in altro luogo, è sufficiente di per sé a legittimare il licenziamento”.